Già membro del pantheon degli allenatori nella storia del calcio, il leggendario Brian Clough ha affrontato una grande sfida: ringiovanire la squadra del due volte campione europeo Nottingham Forest. Dopo aver compiuto un’impresa impossibile per una squadra che in cinque anni era passata da militare nella seconda divisione inglese a vincere due volte la Coppa dei Campioni, il genio inglese aveva un favorito tra i nomi che aveva scelto per il rinnovo: Stephen Brian Hodge.

Conosciuto in tutto il mondo come il proprietario della maglia argentina con cui Diego Armando Maradona materializzò la Mano di Dio e segnò il gol più bello della storia del calcio nella seconda metà dei quarti di finale della Coppa del Mondo del Messico 1986, Hodge è nato a Nottingham il 25 ottobre 1962. Appassionato di calcio, è cresciuto ammirando il campione del mondo Brasile che nel 1970 ha stupito il mondo con un quintetto numero 10 che viene recitato a memoria: Pelé, Tostao, Jairzinho, Gerson e Rivelino.

All’età di 15 anni entra a far parte del club della sua città ed è stato un testimone privilegiato dei giorni più gloriosi di un Nottingham Forest che oggi gioca di nuovo nella seconda categoria d’Inghilterra. Centrocampista fine ed elegante, poteva giocare sia in mezzo che sui fianchi. Hodge ha combinato la sua eccezionale presenza offensiva, creativa per assistere i suoi compagni di squadra e con un notevole punteggio, con un impegno difensivo che lo ha reso un giocatore in anticipo sui suoi tempi.

Brian Clough lo adottò subito come uno dei suoi nuovi simboli: «Era molto intelligente. La sua gestione dei giocatori è stata brillante. Mi conosceva da quando ero bambino e sapeva quali pulsanti spingermi per farmi arrabbiare, perché sapevo di essere un giocatore migliore quando mi arrabbiavo. Mi ha detto qualcosa di sarcastico sul mio vestito, sul mio taglio di capelli, in un modo divertente che ha fatto ridere la gente e sapevo che mi avrebbe dato fastidio», ha ricordato Hodge anni dopo in un’intervista a Champions Speaker.

Il suo debutto avvenne nell’ultimo giorno della stagione 1981-82 contro l’Ipswich Town, la prima esibizione di una tappa che durò fino al 1985 quando fu trasferito all’Aston Villa. Durante quella prima era, Hodge giocò 123 partite, segnò 30 gol e fu scelto come giocatore dell’anno dai tifosi del club nel 1983 prima di essere venduto per 450.000 sterline.

Hodge en la marca de Diego durante aquel duelo del 22 de junio de 1986
Hodge en la marca de Diego durante aquel duelo del 22 de junio de 1986

Il suo ciclo nei Villains è stato breve e con alti e bassi, solo una stagione in cui non è stato all’altezza delle aspettative proiettate dal suo talento. Il Tottenham fu la sua prossima tappa, una tappa in cui l’allenatore David Pleat decise di piazzarlo a sinistra in un attacco che ricordava il Brasile negli anni ’70 con cinque attaccanti. Fu su White Hart Lane che fece coppia con Osvaldo Ardiles in una formazione che cedette nella finale di FA Cup nel 1986-87.

Ma Clough era sempre alla ricerca di Hodge, che ricongiunse a Nottingham Forest nel 1988. Ancora una volta presenza permanente nella sua formazione, fece parte dell’ensemble presente nella tragedia di Hillsborough, quel fatidico 15 aprile 1989, in cui 97 persone furono schiacciate contro le recinzioni dello stadio dopo una valanga. La sua seconda tappa è durata tre anni, retrocessa dall’apparizione del grande Roy Keane, che lo ha spostato in panchina sostituto in autunno nella finale di FA Cup a Wembley contro il Tottenham.

Quella decisione di Clough fu la fine del suo tempo a Nottingham e il Leeds United erogò 900.000 sterline per incorporarlo nella loro disciplina. Anche se ha lottato per mantenere la sua regolarità come titolare, ha contribuito con sette gol in 23 partite alla causa del campione inglese della First Division. Alcuni furono decisivi, come quello che segnò il 21 settembre 1991 nella vittoria per 1-0 sul Liverpool. Hodge è stato il terzo capocannoniere della squadra dietro Lee Chapman e Rod Wallace, che hanno segnato rispettivamente 16 e 11 gol.

Quella fu l’ultima apparizione da protagonista di Hodge, che nel 1994 lasciò il Leeds in una gara che stava iniziando a spegnersi. Dopo un prestito alla contea di Derby, indossò le camicie dei Queens Park Rangers e del Watford prima di emigrare a Hong Kong in un’avventura esotica e di breve durata. Al suo ritorno in Inghilterra firmò con Leyton Orient dell’ascesa profonda inglese ma giocò a malapena una partita prima del suo ritiro definitivo.

Al di là della sua carriera a livello di club, sono state le sue prestazioni con la maglia dell’Inghilterra a rendere popolare il suo nome a livello globale. Hodge, all’epoca all’Aston Villa, aveva giocato solo tre partite con la sua nazionale quando Bobby Robson, che aveva costruito un incredibile campione della Coppa UEFA Ipswich Town e che in seguito avrebbe guidato PSV, Porto, Sporting, Newcastle e Barcellona, lo ha elencato come uno dei 22 convocati per affrontare la Coppa del Mondo del Messico 1986.

La campagna inglese è iniziata con una sconfitta inaspettata contro il Portogallo e un pareggio ancora più inaspettato contro il Marocco. Hodge era entrato come sostituto contro i portoghesi e si era ripetuto contro i marocchini a causa dell’infortunio di Bryan Robson, stella e capitano del Manchester United che era considerato uno dei migliori giocatori di quella squadra. Di fronte alla perdita sensata, l’allenatore ha scommesso su Hodge per sostituirlo nella formazione titolare prima del duello urgente contro la Polonia. Eccezionale nella vittoria contro i polacchi, negli ottavi di finale ha costruito il primo dei tre gol con cui l’Inghilterra ha battuto il Paraguay per entrare nei primi otto del torneo.

Bobby Robson lo citó para el Mundial 86 y terminó con un lugar entre los titulares
Bobby Robson lo citó para el Mundial 86 y terminó con un lugar entre los titulares

Con il 18esimo impresso sul retro, Steve Hodge ha iniziato all’Azteca Stadium contro l’Argentina il 22 giugno 1986. In un incontro carico di emozioni, è stato il protagonista silenzioso di un pomeriggio che avrebbe definito il resto della sua vita: la sua autobiografia di 315 pagine pubblicata nel maggio 2010 ha un’immagine che segna Diego e si intitola «L’uomo con la camicia di Maradona».

Ma lo scambio di maglie avvenuto dopo la partita e che ha reso Hodge una celebrità mondiale conservando uno dei tesori più preziosi della storia del calcio non è stata l’unica storia che ha coinvolto il centrocampista inglese in quella giornata messicana. Hodge è stato involontariamente colui che ha servito a Maradona la palla per segnare il gol con la mano in 51 minuti. Hodge, che ha segnato Jorge Valdano quasi dentro l’area di rigore mentre Maradona avanzava attraverso il cancello dell’area inglese, ha cercato di interrompere il controllo di Valdano ma, invece di liberare la palla, ha deciso di provare un passaggio all’indietro al suo portiere.

A quel tempo, le regole stabilivano che il portiere poteva prendere un passaggio da un compagno di squadra con le mani, una legge che motivava Hodge a provare un cross back in modo che Peter Shilton prendesse la palla. Ma Maradona ha colto l’occasione, ha battuto Shilton nel salto e ha segnato con il pugno per sbloccare lo 0-0 parziale sul tabellone. Hodge non si aggiunse alle lamentele immediate dei suoi compagni a causa della definizione di Diego: anni dopo riconobbe di non aver visto la mano di Dio in quel momento.

Quattro minuti dopo, Hodge sarebbe stato nuovamente testimone di un momento indimenticabile: era a pochi metri da Maradona quando, dopo il passaggio di Hector Enrique, iniziò la carriera che coronò il gol più bello della storia del calcio. Nonostante lo sconto di Gary Lineker nove minuti prima della fine, l’Inghilterra ha salutato il Messico e l’Argentina ha festeggiato una delle vittorie più importanti di tutti i tempi.

Mentre i suoi compagni di squadra si precipitavano in uno spogliatoio bollente, Hodge si alzò in campo per rispondere alle domande di Jim Rosenthal in un’intervista di due minuti. Dopo aver adempiuto al suo obbligo mediatico, Hodge è sceso dalla rampa per lo spogliatoio e ha incontrato Maradona, che era in attesa di rispettare il controllo antidoping. Fu allora che Hodge ricordò una soffiata di Brian Clough in un incontro tra Nottingham Forest e Barcellona tenutosi nel 1984: l’allenatore aveva raccomandato alla sua squadra di conservare un po’ di memoria dei Ten.

La familia de Maradona desmintió a Hodge y alega que la camiseta a subastar es la del primer tiempo. Sin embargo, la casa que organiza la puja encargó estudios que ofrecieron evidencia de que se trataría el manto con el que Pelusa le anotó los goles a Inglaterra
La familia de Maradona desmintió a Hodge y alega que la camiseta a subastar es la del primer tiempo. Sin embargo, la casa que organiza la puja encargó estudios que ofrecieron evidencia de que se trataría el manto con el que Pelusa le anotó los goles a Inglaterra

In Messico, Hodge non ha esitato e ha chiesto la maglia. Senza saperlo, l’inglese aveva preso un indumento che decenni dopo sarebbe stato quotato in milioni di dollari. Già nello spogliatoio inglese, Hodge lo mise nella borsa davanti agli occhi di una squadra arrabbiata. Tale era l’atmosfera all’interno che persino alcuni suoi colleghi lo interrogarono sullo scambio, una proposta che hanno tenuto nel tempo.

La maglia di Hodge è stata di breve durata nelle mani di Maradona, che l’ha cambiata con Oscar Garré per ottenere il numero 10 di Gary Lineker. Hodge è ancora, almeno fino a quando non verrà messo all’asta da Sotheby’s dal prossimo 20 aprile (si prevede di raccogliere tra i 5 e gli 8 milioni di dollari), il proprietario della giacca che è diventata una reliquia sulla terra sacra degli Aztechi e che, come se fosse un talismano, ha trasformato la sua vita per sempre.

CONTINUA A LEGGERE:

La fine inaspettata della maglia che Steve Hodge ha regalato a Maradona il giorno in cui Diego ha segnato entrambi i gol per l’Inghilterra nella Coppa del Mondo 86





Fuente