Ukrainian athlete Valentyna Veretska holds the Israeli and Ukranian flags after she won the Jerusalem's International Marathon on March 25, 2022 in Jerusalem. - Veretska, who fled Russia's invasion of her country and took refuge in Israel, won the Jerusalem marathon, race organisers said. The 31-year-old was one of around 40 Ukrainians who took part in the race in Jerusalem's Old City, braving unseasonably cold and wet weather. (Photo by SportsPhotography / Jerusalem's International Marathon / AFP) / == RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO /Jerusalem's International Marathon - NO MARKETING - NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS ===
Ukrainian athlete Valentyna Veretska holds the Israeli and Ukranian flags after she won the Jerusalem’s International Marathon on March 25, 2022 in Jerusalem. – Veretska, who fled Russia’s invasion of her country and took refuge in Israel, won the Jerusalem marathon, race organisers said. The 31-year-old was one of around 40 Ukrainians who took part in the race in Jerusalem’s Old City, braving unseasonably cold and wet weather. (Photo by SportsPhotography / Jerusalem’s International Marathon / AFP) / == RESTRICTED TO EDITORIAL USE – MANDATORY CREDIT «AFP PHOTO / HO /Jerusalem’s International Marathon – NO MARKETING – NO ADVERTISING CAMPAIGNS – DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS ===

Con sentimenti contrastanti, l’atleta ucraina Valentyna Veretska è scoppiata in lacrime dopo aver tagliato il traguardo della Maratona di Gerusalemme al primo posto dopo aver completato la gara con un tempo di 2 ore, 45 minuti e 54 secondi.

Fatto sta che la 32enne, fuggita dal suo paese natale un mese fa, ha celebrato il trionfo e allo stesso tempo si è rotta ricordando la situazione che la sua famiglia sta vivendo dopo l’attacco delle truppe russe: «Cinque giorni fa ho scoperto che la nostra casa è stata distrutta, ora noi dovrà ricominciare la vita da zero».

Dopo essere fuggita dall’Ucraina con la figlia undicenne, Veretska ha trovato asilo nella casa di una famiglia nella città di Cracovia, in Polonia. Secondo l’organizzazione dell’evento, circa 40 immigrati e rifugiati ucraini hanno gareggiato tra migliaia di corridori.

Valentyna Veretska
Veretska è fuggita dall’Ucraina con la figlia di 11 anni (AFP)

L’atleta, che è campione di gare campestri e maratone internazionali, aveva ricevuto un invito speciale dalla Municipalità di Gerusalemme per partecipare alla gara in questione: «Quando ho ricevuto l’invito, ho aperto gli occhi. Mi sono reso conto che potevo difendere l’Ucraina ma non in Ucraina», ha considerato dopo aver vinto il titolo.

«Non ho pensato affatto alla difficoltà e alla necessità di respirare, ho solo pensato di doverlo fare per far sentire la mia voce al mondo», ha spiegato in dialogo con il quotidiano locale Haaretz.

Veretska, che è riuscita a fuggire dal Paese e portare con sé la figlia undicenne, vive in un costante stato di incertezza e paura, visto che il resto della sua famiglia si nasconde ancora in Ucraina dai bombardamenti russi.

Valentyna Veretska
Il marito di Veretska si è unito alle forze ucraine (AFP)

«A volte ricevo un messaggio da mia sorella o mia madre che sono online e mi chiamano. Mia sorella mi dice che stanno bene, ma sento che sta piangendo, cerca di non piangere, ma sento che sta piangendo, ascolto tutti», si lamenta.

La 32enne è anche sul bottino per il marito, che ha dovuto unirsi alle forze militari per difendere il suo paese.

Dopo aver tagliato il traguardo, la donna ucraina è scoppiata in lacrime e ha festeggiato abbracciando le bandiere di Israele e Ucraina. Il vincitore nella categoria maschile è stato l’israeliano Agadi Guadi quando ha completato la gara in 2 ore, 37 minuti e 17 secondi.

CONTINUA A LEGGERE





Fuente