Dopo Eugenio Derbez, una delle celebrità che hanno partecipato alla campagna contro la costruzione del treno Maya, ha risposto al presidente Andrés Manuel López Obrador (AMLO) dopo averlo accusato di aver ricevuto denaro dal blocco che si opponeva alla sua amministrazione, il il giornalista Victor Trujillo ha chiesto al presidente federale di seguire il suo esempio.

Attraverso il suo account Twitter, il produttore ha condiviso la dichiarazione dell’attore, che ha indicato che nessuno lo ha pagato per sostenere alcun partito politico o per protestare contro la costruzione del tratto 5 di una delle opere di punta dell’attuale management.

«Non ho bisogno che qualcuno venga a pagarmi qualche pesos per sostenere un partito politico, non ricevo buste gialle e continuerò a protestare contro la costruzione della sezione 5 del Treno Maya», ha detto Derbez.

Insieme al messaggio, Trujillo ha chiesto al presidente López Obrador di seguire l’esempio dell’attore, poiché ha assicurato che la campagna condotta dalle celebrità non viola il divieto per la consultazione sulla revoca del mandato, né attacca gli organi elettorali.

Víctor Trujillo contro AMLO di Maya Train
Trujillo ha chiesto al presidente López Obrador di seguire l’esempio dell’attore (Foto: Twitter/ @V_TrujilloM)

Il 22 marzo, nell’ambito della Giornata mondiale dell’acqua, artisti e cantanti hanno lanciato la campagna nazionale Sélvame Del Tren per sensibilizzare i cittadini ed esprimono le loro preoccupazioni per la modifica della sezione 5 del treno Maya, che va da Tulum a Cancun, senza presumibilmente consultarsi con le persone o mostrare i rispettivi studi di impatto.

Tra le celebrità che hanno partecipato c’erano Eugenio Derbez, Kate del Castillo, Natalia Lafourcade, Omar Chaparro, Ana Claudia Talancón, Rubén Albarran e Barbara Morí.

Secondo gli attori e i cantanti, la modifica della sezione 5 distruggerebbe il più grande sistema fluviale sotterraneo del mondo e, con esso, la flora e la fauna della zona.

(Foto: screenshot/YouTube)
Le celebrità hanno accusato che le modifiche sono state apportate senza consultare i cittadini (Foto: screenshot/YouTube)

Inoltre, in una serie di video, hanno affermato che le modifiche sono state apportate senza consultare i cittadini o effettuare i rispettivi studi di impatto.

Detto questo, diversi netizen, attivisti e sostenitori del partito Movimiento Regeneración Nacional (Morena) hanno attaccato le celebrità, sostenendo che la loro campagna è stata pagata dal gruppo di opposizione.

La critica che più si è distinta è stata quella del presidente López Obrador, che li ha descritti come pseudo-ambientalisti alleati dei conservatori e dei «fifis».

Le celebrità del marchio AMLO che si sono posizionate contro il treno Maya come fifis
L’amministratore delegato ha preso l’idea che i video fossero finanziati e prodotti da una terza parte (Foto: archivio)

«Ora è il treno Maya, convincono o assumono artisti, pseudo-ambientalisti, presumibilmente preoccupati per la difesa dell’ambiente e stanno avviando una campagna contro il Maya Train», si è scagliato il presidente federale.

Il giorno dopo, l’amministratore delegato ha preso l’idea che i video fossero finanziati e prodotti da una terza parte.

«Queste celebrità, o le hanno pagate o lo fanno per convinzione, perché sono molto infastidite da ciò che sta accadendo nel Paese, sono nostri avversari e alcuni sono molto disinformati, uno che stavo leggendo chiaramente, mi ha ricordato alcuni politici di prima»

E ha aggiunto: «Queste celebrità li hanno messi a leggere. Chissà chi ha scritto i testi, chi ha finanziato. Non è che siano stati pagati, c’è anche la possibilità che siano stati pagati, ma è costato la produzione e c’è qualcuno dietro: Claudio X. González».

CONTINUA A LEGGERE:





Fuente